Parole in gioco

maggio 22, 2009

Ma se ghe pensu

Filed under: Canzoni — paroleingioco @ 5:42 pm

Ma se ghe pensu (Ma se ci penso in italiano) è una canzone in dialetto genovese, che è diventata ormai simbolo della musica e della presenza di Genova nel mondo.

In tempi recenti è stato eseguito da diversi cantanti, fra cui Mina nel 1967.

« U l’ëa partiu sensa ûn-a palanca,
l’ëa zà trent’anni, forse anche ciû.
U l’aia luttou pe mette i dinæ a-a banca
e poèisene ancun ûn giurnu turna in zû
e fäse a palassinn-a e o giardinettu,
cu-o rampicante, cu-a cantinn-a e o vin,
a branda attaccâ a-i ærboui, a ûsu lettu,
pe daghe ‘na schenâ séia e mattin.
Ma u figgiu ghe dixeiva: “Nu ghe pensâ
a Zena cöse ti ghe vêu turnâ?!”

Ma se ghe pensu allua mi veddu u mâ,
veddu i mæ munti e a ciassa da Nunsiâ,
riveddu u Righi e me s’astrenze o chêu,
veddu a lanterna, a cava, lazzû o mêu…
Riveddu a séia Zena illûminâ,
veddu là a Föxe e sentu franze o mâ
e allua mi pensu ancun de riturnâ
a pösâ e osse duve’òu mæ madunnâ.

U l’ëa passou du tempu, forse troppu,
u figgiu u ghe disceiva: “Stemmu ben,
duve ti vêu andâ, papá?.. pensiemmu doppu,
u viäggio, u má, t’é vëgio, nu cunven!”
“Oh nu, oh nu! me sentu ancun in gamba,
son stûffu e nu ne possu pròpriu ciû,
son stancu de sentî señor caramba,
mi vêuggiu ritornamene ancun in zû…
Ti t’ê nasciûo e t’æ parlou spagnollu,
mi son nasciûo zeneize e… nu ghe mollu!”

Ma se ghe penso allua mi veddo u mâ,
veddu i mæ monti e a ciassa da Nunsiâ,
riveddu u Righi e me s’astrenze u chêu,
veddu a lanterna, a cava e lazzû o mêu…
Riveddo a séia Zena illûminâ,
veddo là a Föxe e sento franze u mâ,
allua mi pensu ancun de riturnâ
a pösâ e osse dove’òu mæ madunnâ.

E sensa tante cöse u l’è partïu
e a Zena u gh’à furmóu turna u so nïu. »

 

« Era partito senza un soldo,
erano già trent’anni, forse anche più.
Aveva lottato per risparmiare
e potersene un giorno tornare giù
e farsi la palazzina e il giardinetto,
con il rampicante, con la cantina e il vino,
la branda attaccata agli alberi a uso letto,
per coricarcisi sera e mattina.
ma il figlio gli diceva: “Non ci pensare
a Genova cosa ci vuoi tornare?!”

Ma se ci penso allora io vedo il mare,
vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
rivedo il Righi e mi si stringe il cuore,
vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo…
Rivedo la sera Genova illuminata,
vedo là la Foce e sento frangere il mare
e allora io penso ancora di ritornare
a posare le ossa dov’è mia nonna.

Ed era passato del tempo, forse troppo,
il figlio insisteva: “Stiamo bene,
dove vuoi andare, papà?.. penseremo dopo,
il viaggio, il mare, sei vecchio, non conviene!”
“Oh no, oh no! mi sento ancora in gamba,
sono stufo e non ne posso proprio più,
sono stanco di sentire señor carramba,
io voglio ritornarmene ancora in giù…
Tu sei nato e hai parlato spagnolo,
io sono nato genovese e… non ci mollo!”

Ma se ci penso allora io vedo il mare,
vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo…
Rivedo la sera Genova illuminata,
vedo là la Foce e sento frangere il mare,
e allora io penso ancora di ritornare
a posare le ossa dov’è la mia nonna.

E senza tante cose è partito
e a Genova ha formato di nuovo il suo nido.  »

Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Ma_se_ghe_penso

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: