Parole in gioco

gennaio 9, 2009

La scuola che ho sempre sognato

Filed under: Formazione,Libri — paroleingioco @ 8:56 am

 

La Scuola del Ponte di Vila das Aves vista da Rubem Alves: un unico spazio condiviso da tutti, senza separazioni di aule e di età, senza campanella che annuncia la fine di una disciplina e l’inizio della successiva. Una lezione quotidiana di cittadinanza attiva: tutti vivono nello stesso mondo, piccoli e grandi, compagni della stessa avventura. Tanti insegnanti per tanti bambini, e i bambini che sanno di più insegnano a quelli che sanno di meno. Tutti si aiutano, non c’è competizione, c’è invece cooperazione. Al ritmo della vita: i saperi della vita non seguono programmi. Sono i bambini a individuare i meccanismi per recuperare coloro che rifiutano di seguire le regole da loro stessi stabilite. Lo spazio della scuola è inteso come spazio di gioco: per divertirsi e apprendere a partire da ciò che desiderano, lavorando in gruppo. Così i bambini e le bambine si aprono alle regole della convivenza democratica, e sanno che la loro libertà arriva fin dove non lede la libertà degli altri.
È la Scuola del Ponte di Vila das Aves (Portogallo), promossa dal Centro di Formazione Camilo Castelo Branco, che da 25 anni sperimenta con straordinario successo innovazioni educative per il primo ciclo dell’insegnamento di base, ed è meta di numerose visite da parte di altre scuole e di educatori da ogni parte del mondo. Tra questi l’illustre Rubem Alves, che dice di aver trovato nella Scuola del Ponte La scuola che ho sempre sognato senza immaginare che potesse esistere.

RUBEM ALVES, è nato nella città di boa Esperança (Brasile) nel 1933. Pastore della Chiesa Presbiteriana, ha coniato il termine “teologia della liberazione”. Psicoanalista, pedagogo, sociologo e poeta, ama definirsi “compositore di favole” e “cronista di storie”. Scrive settimanalmente per il giornale “Correiro popular” e saltuariamente per il “Folha de S. Paulo”. E’ autore di decine di libri di favole, di saggi e di narrativa

La scuola che ho sempre sognato,senza immaginare che potesse esistere di Rubem Alves, ed Emi, Bologna, 2003.

Annunci

2 commenti »

  1. come posso contattare la scuola del ponte per uno stage?

    Commento di valentina — settembre 3, 2009 @ 1:17 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: