Parole in gioco

gennaio 3, 2009

Le posate sposate

Filed under: Fiaba,Libri,Roberto Piumini — paroleingioco @ 3:10 pm


 

C’era una volta una forchetta molto lucida, con i denti d’argento. Tutti l’ammiravano, e la volevano in sposa. Arrivò il cavatappi, e facendo un giro di danza girondina, disse: – Bella forchetta lucente, guardami un po’: io giro, prillo, tiro, strappo e stappo! Non sono un tipo bello e interessante? Sposami, forchetta, e stapperemo insieme una bottiglia di spumante! La forchetta rispose: – Bello mio, tu stappi, stappi: ma non m’acchiappi! E il cavatappi, deluso, se ne andò nel cassetto. Ed ecco il coltello, lama luccicante ed affilata, che si fece avanti, e mostrandosi di qua e di là, disse: – Forchetta deliziosa, guardami un po’! Io taglio, sego, spello, buco, divido e spartisco! Se mi sposi, sarò come una spada al tuo fianco! E la forchetta: – Bello mio, tu tagli, tagli: ma non mi pigli! E il coltello se ne andò al suo posto nel cassetto. Arriva il cucchiaio, piano piano, col suo testone tondo, e dice: – Eccomi qua, cara forchetta: non ti senti un po’ sola? Io ho un bel posto nel cassetto, con uno spazio vuoto… Vuoi venire a stare con me? La forchetta lo guardò: ed ecco che, guardandolo, non vide solo lui, ma la propria immagine, perché anche il cucchiaio era ben pulito, lucido come uno specchio: però non si vide com’era, ma a testa in giù, perché se ci si guarda nella parte concava di un cucchiaio, succede così. La forchetta si mise a ridere, poi girò dall’altra parte e si specchiò: e si vide grassa grassa, perché chi si specchia nella parte convessa di un cucchiaio, si vede così. Allora la forchetta rise forte, e disse: – Non ti sposo per la casa o per le lire, ma perché mi fai divertire! Così forchetta e cucchiaio diventarono le posate sposate, e abitarono nel cassetto: lui in una stanza e lei nell’altra per stare più comodi. Però, spesso, stavano vicini: e vicini oggi, vicini domani, dopo qualche mese nella cameretta più piccola del cassetto, si senti strillare. Chi era arrivato? Un cucchiaino. E dopo qualche tempo, ancora strilli: era arrivata una forchettina. E giocavano insieme, facevano il bagno nella vasca del lavandino, insieme alle amiche posate, nella schiuma profumata. E quando incontravano il coltello o il cavatappi, quelli dicevano: – Cucchiaino, come somigli a tuo padre! E alla forchettina dicevano: – Sei tutta tua madre! E sospiravano tanto, ma tanto, che il detersivo, attorno, faceva grandissime bolle.

dal libro C’era una volta, ascolta di Roberto Piumini

Advertisements

3 commenti »

  1. Ciao sono Godot ero in giro in cerca di libri consigliati… è molto bella questa fiaba. Devo ammettere la mia ignoranza e dirti che non conosco questo Roberto Piumini. Comunque ho dato un’occhiata in giro e ti devo dire che è veramente un bel blog!

    Commento di Godot — gennaio 3, 2009 @ 10:37 pm | Rispondi

  2. io avevo già letto questo racconto fantastico pero finiva ”cosi forchetta e cucchiaio diventarono le posate sposate e abitarono nel cassetto”
    e finiva li comunque mi piace, fa veramente ridere.

    Commento di simona — aprile 6, 2010 @ 12:55 pm | Rispondi

  3. bellissima storia per bambini e mi ha aiutato a sviluppare il tema degli oggetti da usare a tavola in modo coinvolgente con i bambimbini di una scuola dell’infanzia grazie

    Commento di lucia — aprile 13, 2010 @ 8:26 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: